Présentation 
Événements 
Liens 
Nouveautés carrello
À paraître 
Normes éditoriales 
Normes pour les curateurs 
Catalogue carrello
Ressources en ligne 
Distributeurs 
Mailing list 
Contacts 
Votre compte
 
 
English   Italiano
Cart Contents  
Traitement des données personnelles

Catalogue

Antiquité Moyen Âge Époque moderne et contemporaine Recherche simple Recherche combinée
CEF496

[Monographie] - Époque moderne et contemporaine


L'affare dei morti : mercato funerario, politica e gestione della sepoltura a Napoli (secoli XVII-XIX)

Collection de l'École française de Rome 496
Roma: École française de Rome, 2014
ISBN: 978-2-7283-1061-6
550 p., ill. n/b et pl. coul.




Version en ligne TORROSSA

Table des matières
Introduction

État: Épuisé
Prix: € 39
Il pensiero della morte negli uomini del passato costituisce uno dei più ricchi temi di ricerca sviluppati dalla storia delle mentalità nel secondo Novecento. Ma gli aspetti spirituali, e gli atti che ne derivano, si intrecciavano – allora come oggi – con questioni sociali, giuridiche, politicoistituzionali ed economiche che la storiografia non ha indagato con la medesima attenzione. Di tali questioni si occupa questo libro, analizzando le interazioni tra società e istituzioni intorno alla gestione del cadavere in una grande città dell’Europa moderna, Napoli. Megalopoli senza cimiteri, dove lo spazio sepolcrale era ricavato soprattutto nel sottosuolo, eppure non per questo così diversa da altre realtà urbane dell’epoca. A partire dalla descrizione dell’antico regime funerario – pienamente realizzatosi nel Seicento con la sovrapposizione dell’indirizzo politico della controriforma all’impianto normativo e consuetudinario elaborato nel tardo medioevo – il saggio illustra le tappe della sua trasformazione sette-ottocentesca. Un percorso riformatore promosso, e in parte sperimentato, dalla riflessione intellettuale illuministica, ma concretamente realizzato solo con l’affermazione del nuovo modello sociale dell’età post-rivoluzionaria : tra difficoltà materiali, resistenze culturali e contraddizioni istituzionali. In tal senso il fenomeno assume la dimensione di un problema politico e sociale di ampia portata; un vero e proprio « affare », anche sul piano più strettamente economico. Quest’ultimo aspetto si rivela, infatti, importante non solo per comprendere numerosi comportamenti degli attori, ma anche per verificare l’esistenza di un florido e complesso mercato dei servizi funerari ben prima della nascita delle pompe funebri contemporanee.
 
Diego Carnevale ha conseguito il dottorato in storia moderna presso l’Università degli studi di Napoli Federico II e l’Université Aix-Marseille (Francia). È stato ricercatore post-dottorato presso l’Università della Repubblica di San Marino, l’Université Paris 1 Panthéon-Sorbonne e l’Université Aix-Marseille. I suoi studi vertono principalmente sulla storia sociale delle grandi realtà urbane in età moderna con particolare attenzione al rapporto tra società e istituzioni.